Walter Berardi

 

Nato a Premosello Chiovenda il 18 agosto 1967
E' stato il presidente della Commissione Valanghe della Comunità Montana Monte Rosa
Esperto in nivologia e valanghe
Numerose ascensioni della parete est del Monte Rosa
Spedizioni ed ascensioni extra-europee

 
Walter Berardi e la montagna 

Walter Berardi è stato dal 1997 fino al ... il Responsabile della Stazione di Macugnaga del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (C.N.S.A.S.). Per diverso tempo presso la base di Borgosesia, successivamente alla base di Novara, Walter è stato Tecnico di Elisoccorso e Soccorso.
 
Nel 2000 il C.N.S.A.S. collaborò con la Protezione Civile per affrontare l'emergenza "Alluvione" occupandosi del monitoraggio frane e della gestione elicotteri.

Nel 2002 il C.N.S.A.S. collaborò con la Protezione Civile e la Guardia di Finanza per affrontare l'emergenza "Lago Effimero" monitorando 24h. l'evoluzione del fenomeno e coordinando gli interventi tecnici.

Nella stagione invernale 2002/2003 il C.N.S.A.S. si è occupato della sicurezza sulle piste di sci. Dal 1998, inoltre, garantisce il ritorno a terra dei trasportati, in caso di blocco degli impianti di risalita.
 
Walter Berardi dal 2000 partecipa, compatibilmente ai vari incarichi di "prevenzione e sicurezza", ad alcune gare di sci-alpinismo tra le più importanti e famose dell'arco alpino. Prende parte con Diego Micheli (membro del C.N.S.A.S.) al Trofeo Bozzetti, al Tour du Ruitor, alla Tre Rifugi e al Trofeo Mezzalama.

Walter Berardi è esperto in nivologia e valanghe e dal 2000 è anche Presidente della Commissione Valanghe della Comunità Montana Monte Rosa. Segue costantemente i corsi teorici e pratici di aggiornamento dell'A.I.NE.VA. (Associazione Interregionale Neve e Valanghe). I principali settori sono la glaciologia, i distacchi artificiali delle valanghe, la prevenzione e la sicurezza in montagna, la meteorologia alpina.

Nel 2003 ottiene l'abilitazione all'uso degli esplosivi. Inoltre, per la stagione invernale 2003/2004, diventa con Diego Micheli il responsabile della sicurezza valanghe nella zona della sciovia Tambach.
 
Nel 2005 l'A.I.NE.VA. gli rilascia l'attestato di direttore delle operazioni di sicurezza.

Walter è anche il tester della Nutrilite, produttrice di integratori completamente naturali che supportano l'intensa attività sportiva. Dal 1993, inoltre, è tester della W. L. Gore & Associati: prova i tessuti prodotti, comunemente conosciuti con il marchio Gore-Tex, prima che vengano messi in produzione. 
 
 

 
Walter Berardi e il Monte Rosa

Giugno 1990 - Salita, con una nuova variante, della parete nord della Punta Tre Amici. L'ascensione venne effettuata in memoria del Papà Erminio.

Agosto 1990 - Salita dal Rifugio Zamboni-Zappa alla Capanna Regina Margherita sulla Punta Gnifetti lungo la Via della Cresta Signal, discesa fino all'attacco della parete nord del Lyskamm Occidentale e ascensione della stessa. Tutto questo senza tappe, in sole h. 10,40.

Febbraio 1991 - Salita invernale, in solitaria, alla Punta Dufour lungo la Via del Canalone Marinelli.

Gennaio 1993 - Salita invernale alla Punta Nordend lungo la Via Restelli e discesa immediata dal Canalone Marinelli.

Giugno 2004 - Discesa con gli sci dalla Punta Zumstein lungo il Canalone Marinelli.

Aprile 2006 - Salita alla crepacciata della Punta Dufour in h. 6,30 e discesa in notturna con gli sci dal Canalone Marinelli.
  
 
 
 
Walter Berardi e il mondo  
 
Luglio 1991 - Russia - Salita al Pik Pobedy detto anche Pobeda Gora (7.439 m) lungo la parete nord. Purtroppo le pessime condizioni meteo costrinsero a 7.280 m al rientro.

Maggio 1992 - Alaska - Salita al Mc Kinley (6.194 m) lungo la Via Rescue Gully. Dal campo base (4.200 m) salita/discesa in giornata. Il giorno successivo nuovamente in vetta con salita dalla Via West Buttress: salita/discesa in h. 10,15.

Aprile 1993 - Tibet - Salita al Cho-Oyu (8.201 m) lungo la parete nord.

Maggio 1995 - Nepal - Salita al Nanga Parbat (8.125 m) lungo la Via Kinshofer. Purtroppo al campo base un'intossicazione alimentare costrinse al ritiro.

Agosto 1996 - Cina - Salita al Muztaghata (7.546 m).

Aprile 2005 - Tibet - Tentativo di salita al Cho-oyo parete nord (8.201 m).

Aprile 2006 - Nepal - Salita al Lhotse (8.511 m) non conclusa per un grave infortunio causato da una scarica di ghiaccio nei pressi del Ghiacciaio Ice Fall.