Simone Moro e la traversata Everest-Lhotse

Simone Moro

 

23 Aprile 2012 - Tempo di rivincite per Simone Moro, in questi giorni nella vallata dell'Everest per acclimatarsi.
Il sogno? La traversata, già tentata più volte in passato, della prima e della quarta montagna più alta del mondo.
L'idea? Quella di salire l'Everest (8.848m), quindi scendere al colle Sud (7.925m) a da lì risalire sulla cima del Lhotse (8.516m).

Il fortissimo alpinisma italiano ha in programma di salire anche la cima dell'Island Peak (6.189m) per arrivare ad una condizione fisica idonea tra circa un mese, quando tenterà l'impresa.

Con lui, fino alla vetta dell’Everest, ci saranno anche Hans Peter e Helmut Karbon, alpinisti altoatesini e cameraman professionisti. Ma durante la traversata, sarà SOLO!

Le precedenti battaglie, hanno visto il "Simo" rimbalzato da questi colossi della terra per malori, instabilità metereologiche o per obiettivi "più grandi".
Infatti, nel maggio del 2001, a circa 8.000m di quota, rinunciò al suo sogno e andò a salvare il giovane inglese Tom Moores in difficoltà.
Per questo gesto, ricevette la medaglia d'oro al valore civile dal Presidente Ciampi.

Laureato con 110 e lode in scienze motorie, Simone Moro parla 5 lingue e realizza conferenze in tutto il mondo.
Nel 2009, ha conseguito il brevetto di pilota di elicotteri in 69 giorni, e tra i suoi sogni, c'è la creazione di un servizio di salvataggio con elicotteri in alta quota.

Fonte: www.simonemoro.it