Il capriolo

Nome comune: Capriolo
Nome scientifico: Capreolus capreolus
Classe: Mammiferi
Ordine: Artiodattili
Famiglia: Cervidi
Peso: 15-50 kg
Lunghezza: 100-140 cm
Altezza: 60-90 cm
Gestazioni annue: 1
Durata gestazione: 270 gg
Per ogni parto: 1-2 cuccioli
Durata allattamento: 120 gg 
 
 

 

Il capriolo ha corpo agile e raccolto, collo sottile e più lungo della testa, profilo fronte-naso diritto, occhi vivaci e grandi, orecchie divaricate e mobili, zampe alte e sottili con zoccoli piccoli e aguzzi.

Il mantello del capriolo è formato, in estate, da peli duri, sottili e lucidi; in inverno, invece, da peli opachi e fitta lana. Il colore è bruno-rossiccio tranne per il ventre e la parte perianale che sono di colore chiaro, quasi bianco.

Le corna del capriolo hanno la caratteristica forma a tre punte, la loro lunghezza e diametro variano a seconda dell'età e dalla costituzione dell'animale. All'età di 6 anni il capriolo ha le corna che possono raggiungere anche i 25 cm di lunghezza; oltre quest'età ricrescono sempre più esili e corte. Nel mese di novembre il palco delle corna cade e riprende a riformarsi alla fine del mese di gennaio. In questo lasso di tempo il capriolo, privo delle corna, ha un carattere mansueto e schivo; a marzo, però, quando le corna sono completamente ricresciute, ridiventa più vivace ed aggressivo.

La gravidanza, iniziata nel mese di luglio, viene portata a termine in maggio. Durante i primi mesi di vita, il piccolo ha il mantello con macchie e striature che facilitano la mimetizzazione. La femmina in questa fase è particolarmente diffidente e attenta: si dedica completamente alla difesa e alla nutrizione del piccolo. Il maschio, invece, non si occupa del piccolo nemmeno per la sua difesa, verso la fine di luglio lascia il branco e vaga solitario attaccando furiosamente altri maschi.

Il capriolo vive nei boschi di montagna: durante l'estate sale anche a quote molto alte, quasi come il camoscio, invece durante l'inverno scende a valle fino ai centri abitati. Il capriolo ha l'olfatto e l'udito eccezionali, mentre è scadente la sua vista. La volpe rappresenta, per i piccoli, l'unico nemico naturale.