Disastro al polo

libri/corbaccio17.jpgdi Wilbur Cross

Nel 1926 il generale Umberto Nobile, uno dei principali ingegneri aeronautici d'Italia, compì su un dirigibile da lui progettato, insieme all'esploratore norvegese Roald Amundsen e al miliardario americano Lincoln Ellsworth, la trasvolata del Polo Nord. Fu un successo senza precedenti per una struttura più leggera dell'aria e, incoraggiato dei risultati, Nobile decise di tornare al Polo Nord nel 1928 con un dirigibile di nuova concezione per portare un gruppo di scienziati a compiere degli studi sul ghiaccio. Durante il viaggio di ritorno, però, ci fu un terribile incidente e il dirigibile Italia precipitò sul pack lontano centinaia di miglia da qualsiasi fonte di aiuto. I sopravvissuti, incluso Nobile che era gravemente ferito, rimasero bloccati su una instabile sezione di ghiaccio e fecero continui tentativi di stabilire un contatto radio. La loro scomparsa diede vita a una delle più imponenti operazioni di soccorso internazionale. Sette nazioni e centinaia di uomini si misero in moto via aria, terra e mare per cercare di rintracciare i sopravvissuti nei desolati spazi dell'artico. Molti furono feriti, alcuni perirono e tra questi il famosissimo Amundsen.

Editore: Casa Editrice Corbaccio S.r.l. - Milano

Email: info@corbaccio.it