K2 il prezzo della conquista

libri/mondadori.jpgdi Lino Lacedelli / Giovanni Cenacchi

176 pagine K2 IL PREZZO DELLA CONQUISTA Il 31 luglio 1954 l'Italia si aggiudicò un primato che cambiò la storia dell'alpinismo. Achille Compagnoni e Lino Lacedelli conquistarono la vetta del K2, la seconda montagna più alta della Terra. L'evento venne celebrato in tutto il paese con grande orgoglio, ma su di esso, fin dal rientro della squadra guidata da Ardito Desio, gravò (e continua a gravare) una terribile accusa. Uno dei componenti più importanti e celebri della spedizione, Walter Bonatti, accusò infatti i due conquistatori della vetta di averlo abbandonato prima della scalata finale per poter raggiungere la cima senza di lui, mettendo in grave pericolo la sua vita. Secondo la versione ufficiale dei fatti, scritta da Desio e controfirmata datutti i membri della spedizione, nessuna scorrettezza era avvenuta durante l'ascesa e le accuse di Bonatti erano infondate e frutto di una incomprensione. Oggi, a distanza di cinquant'anni da quegli eventi, Lino Lacedelli racconta la sua sconvolgente verità: la notte tra il 30 e il 31 luglio lui e /sua sconvolgente verità: Compagnoni non si presentarono volutamente all'appuntamento con Bonatti, costringendolo a rinunciare alla scalata finale, in modo da poter utilizzare le due bombole che portava con sé.

Editore: Mondadori - Milano

Email: infolibri@mondadori.it